Terapia Individuale, di Coppia o Familiare a Salerno



Psicoterapia e Consulto Psicologico: Individuale, di Coppia e Familiare

La terapia Sistemico Relazionale

L'approccio sistemico relazionale nasce negli Stati Uniti all'inizio degli anni '50. Nel passato lo studio del comportamento umano, sia esso espressione della “normalità” o delle sue manifestazioni patologiche, veniva studiato secondo un approccio di chiara derivazione medica, ricercando le cause all'interno del corpo e della psiche umana. Con l'approccio sistemico si pone invece l'attenzione non su ciò che succede all'interno della mente, ma sulle relazioni che ogni individuo instaura con l'ambiente esterno e con gli altri.

L'individuo non è più un elemento singolo da studiare a prescindere dall'ambiente in cui vive, ma fa parte di una serie infinta di sistemi in ognuno dei quali assume dei ruoli, invia e riceve delle comunicazioni ed all'interno dei quali assume determinati comportamenti piuttosto che altri. Importanza fondamentale acquisisce quindi il sistema familiare, all'interno del quale ogni individuo nasce, impara le regole fondamentali di quel sistema, cresce e si sviluppa, sia in senso fisico che psicologico-relazionale.

Ogni comportamento perciò acquista un suo significato solo se analizzato all'interno del contesto in cui si manifesta: il codice ci è dato dal contesto e attraverso questo è possibile tradurre il comportamento. Si può quindi desumere che un comportamento problematico non è altro che l'espressione di un malessere che non è più del singolo individuo, ma di una disfunzionalità relazionale all'interno del suo sistema familiare, e in senso più lato, sociale e storico. 

Attenzione: il contesto non determina i comportamenti, o i sintomi, bensì li orienta e significa , per questo comprendere il presente attraverso il passato è alla base della libertà di scegliere il proprio futuro. Ne consegue che agendo adeguatamente sulle dinamiche familiari sarà quindi possibile incidere sul sintomo stesso. Quando ciò non sia possibile, per il mancato intervento di tutti i familiari, il lavoro psicologico si concentra sulla conoscenza di queste dinamiche e la trasformazione delle stesse, in modo tale che i “nostri comportamenti” non siano la mera risultante della storia che ci precede. Per i pionieri della terapia familiare l'enigma della psicopatologia trovava così soluzione al di là dell'individuo in sé e della sua organizzazione psichica, ma anche al di là delle sue esperienze passate.

Ciò che è osservabile nel qui e ora, ossia i comportamenti, le relazioni, la comunicazione, porta già scritto la storia del disturbo ed è, allo stesso tempo, il terreno su cui intervenire al fine di produrre il cambiamento terapeutico.

contenuti a cura della dott.ssa | Contattami | Blog Psicologia | Privacy